martedì 26 giugno 2012

Comunicato

Questo blog continua con le sezioni multimediali e di interesse generalizzato in collaborazione col Movimento 5 stelle Parco sud , l'ufficiale blog di San Donato M.se locale è :



martedì 19 giugno 2012

Il blog stà per essere sostituito !

Quasi tre anni di blog stanno per essere bloccati ! da una recente comunque democratica votazione al nostro interno è stata votata da un numero esiguo di presenti di sostituire questo blog con uno nuovo , come redattore storico non capisco questa decisione e vi invito a votare a lato se chiudere o sospendere questo blog in favore di quello nuovo che sarà qui linkato che è : http://www.sandonato5stelle.com/
 qui sulla destra troverete un sondaggio per non chiudere questo blog vi invito democraticamente  a votare dopo aver visitato quello nuovo grazie !
Riccardo Cazzola

Riunione del 28/6


venerdì 15 giugno 2012

S.O.S. CREMONA: IL CASO ARVEDI “CRIMINALI”!!! Così il presidente dell’Arpa di Cremona Paolo (sonni) Beati ha definito i cittadini dei Comitati di Spinadesco e Cavatigozzi (Cremona) preoccupati per le emissioni dell’acciaieria Arvedi. Sia quelle rumorose che quelle inquinanti, in particolare la diossina. Per (sonni) Beati “parlare di diossina è criminale”. Ma i “criminali”vogliono parlarne invece e vogliono vederci chiaro! E non si accontentano delle tonnellate di valium diffuse da politici e parlamentari locali del Pd e del Pdl, a braccetto nella difesa di Arvedi. Una nobile gara a chi regge meglio le code del Cavaliere dell’acciaio iniziata nel 2008 quando la Regione Lombardia (l’Illegittimo Forminchioni) graziosamente esentò con un decreto ad hoc il (più che) raddoppio dell’acciaieria dalla Valutazione di impatto ambientale. Un’acciaieria che, è bene ricordarlo, si è ampliata fino ad invadere (letteralmente) il cortile di alcune case di Spinadesco. La Provincia(giunta Giuseppe Torchio, PDmenoELLE), invece di ricorrere al Tar e opporsi al decreto regionale, si è opposta ai cittadini che il ricorso l’hanno fatto (vincendolo). Nel frattempo aree agricole con un tratto di penna sono diventate industriali e al posto dei campi è sorta anche una zincheria, sempre senza alcuna VIA. Il Tar ha poi dato ragione ai cittadini, la Regione allora ha emanato un decreto-fotocopia del primo e la Provincia ha cucito intorno ad Arvedi una Autorizzazione integrata ambientale su misura con la quale il (più che) raddoppio è stato portato a termine. Ora i cittadini aspettano che il Consiglio di Stato si pronunci su questo secondo decreto regionale (che il Tar ha “promosso”). Colpito da tanta sollecitudine, il re dell'acciaio cremonese ha donato nel novembre 2007 300mila euro all’allora Forza Italia e all’Espresso (13 marzo 2008) annunciava: " o appena versato altri 300mila euro al Partito democratico per essere equidistante". E infatti sono entrambi equidistanti dai cittadini i quali sono preoccupati. Scottati forse dal fatto che Enti locali e Acciaieria hanno barato sulle promesse mitigazioni ambientali (bosco-filtro per finta, pannelli anti-rumore inutili, strumenti di monitoraggio non funzionanti o affidati allo stesso Arvedi), che le vantate soluzioni viabilistiche in grado di mitigare il disagio dovuto al transito di centinaia di camion al giorno sono rimaste sulla carta, i cittadini di Cavatigozzi e Spinadesco e Cremona ora hanno appreso che le rilevazioni di diossina presso l'Acciaieria Arvedi NON le effettua l'Arpa od un ente terzo ma la stessaARVEDI in regime di autocontrollo. Curiosamente, secondo l'Arpa, le uniche rilevazioni affidate ad una società esterna (quelle del 2009) sono le uniche che evidenziano quantità significative di diossina (0,16 ng/nm3). Le rilevazioni di diossina non avvengono in continuo ma due volte all'anno. E gli altri 363 giorni? Le rilevazioni di diossina avvengono solo sulle emissioni aeree (ma, scrive l’Arpa "l'azienda ha dichiarato difficoltà di carattere tecnico derivanti dalle dimensione dei camini dei forni e dalle portate degli effluenti gassosi...") e non nel terreno. L'Unione europea ha stabilito, da maggio 2011, limiti di emissioni più stringenti per tutelare la salute dei lavoratori e dei cittadini, rispetto a quelli adottati da Regione Lombardia! Se l'Acciaieria Arvedi già ora, come afferma, rispetta già tali nuovi limiti perchè i Comuni e la Provincia non chiedono che vengano applicati da subito, modificando l'AIA? E perchè i sindacati invece di attaccare i comitati di cittadini non si uniscono a tale richiesta che tranquillizzerebbe lavoratori e cittadini? L'unica rilevazione condotta (con fatica) dall'Arpa riguarda il rumore e l'Agenzia certifica con la relazione del 15 marzo 2012 lo sforamento notturno dei limiti di legge. Ma istituzioni ed enti locali tacciono. Il M5S non lascerà soli questi Comitati di cittadini ed abbraccia con loro questa battaglia per la salvaguardia della salute umana, sicurezza sul lavoro, ma soprattutto per un ambiente sano dove i nostri figli possano crescere ed avere un futuro! Qui non si molla!

mercoledì 13 giugno 2012

NO TEM

Rendiconto spese campagna elettorale 2012 del MoVimento 5 Stelle San Donato Milanese

Rendiconto spese campagna elettorale 2012 del MoVimento 5 Stelle San Donato Milanese
CATEGORIA DESTINATARIO USCITA ENTRATA DATA FATTURA NOTE
Stampa elettorale Pixart -€ 93,27 30/03/12 2500 cartoline A5 m5s
Stampa elettorale Pixart -€ 87,65 16/04/12 manifesti standard (2 file)
Stampa elettorale AGF -€ 114,40 16/04/12 manifesti 70x100 per evento Grillo
Stampa elettorale AGF -€ 114,40 08/05/12 manifesti 70x100 elettorali
Totale -€ 409,72
Servizi per eventi ACS -€ 52,00 26/04/12 materiale e servizi per campagna elettorale
Servizi per eventi SIAE -€ 125,22 24/04/12 SIAE per evento grillo
Servizi per eventi Enel -€ 123,13 06/04/12 allacciamento enel Piazza pieve per evento Grillo
Servizi per eventi Comune SDM -€ 17,50 06/04/12 affitto sala UTE del 27/03/2012 e sala poliv Poasco del 13/04/2012
Servizi per eventi Comune SDM -€ 75,00 03/05/12 affitto sala consigliare del 26/04/2012
Servizi per eventi Comune SDM -€ 7,50 20/03/12 affitto SALA Marchetti del 9/3/2012
Servizi per eventi Morini Rent -€ 74,36 20/04/12 noleggio furgone
Servizi per eventi Marcone service -€ 520,00 25/04/12 Service (palco, luci, audio, certificaz. impianto elettrico)
Totale -€ 994,71
Materiali di consumo Ferramenta Prati -€ 33,50 18/04/12 elmetti e nastro bianco e rosso
Materiali di consumo Cartolibreria Mari -€ 4,00 19/04/12 cancelleria
Materiali di consumo Lombardi Collanti -€ 53,85 16/04/12 materiale per affissioni
Materiali di consumo D.M.E. Srl -€ 5,86 10/04/12 Mat.Elettrico
Totale -€ 97,21
Autofinanziamento Lista x elezioni € 1.009,34
Donazioni durante eventi € 597,30
Donazioni sul CC PayPal € 108,11
Tot. Uscite -€ 1.501,64
Tot. Entrate € 1.714,75

lunedì 11 giugno 2012

TEM: altra inutile Grande Opera - mangeremo asfalto?





Oggi, lunedì 11 giugno, alla presenza di sua maestà Formigoni partiranno le ruspe per l'avvio della costruzione della TEM.
La Tem, Tangenziale Esterna Milano, sarà nuova enorme bretella tra la A1 e la A4 (la Milano-Venezia e la Milano-Bologna), che si congiungerà anche con la nuova Bre-Be-Mi, ancora da realizzare. È un progetto colossale, che avrà pesantissime ricadute sull'ambiente e che prevede:
notem.jpg
-35 comuni coinvolti
-10 anni di cantiere previsti
-32 km di asfalto
-4,70 euro di pedaggio da Agrate a Melegnano
-38 km di strade accessorie
-6 caselli
-3 interconnessioni autostradali
-3 corsie per senso di marcia
-75 mila auto al giorno
-70% di saturazione
-50% di traffico in più su Cassanese e Rivoltana
-3 parchi attraversati, due Parchi Naturali (Molgora e Adda Sud) e un Parco agricolo (Sud Milano)
-circa 2 miliardi di euro di investimento
Un'opera inutile a detta degli stessi proponenti in quanto non migliorerà il traffico, peggiorerà la situazione dei pendolari e nel contempo devasterà parchi e un'area agricola estesissima, il suo impatto ambientale è addirittura peggiore del TAV, l'impatto agricolo terrificante in quanto colpirà direttamente 80 aziende agricole, che operano in un territorio noto per la qualità della produzione.

Dal sito http://milanoinmovimento.com/no-tem/cose-la-tem-e-perche-no-tem
Il progetto ha suscitato, fin dalla sua presentazione, molte perplessità tra gli abitanti della zona, per diversi motivi che andiamo ad analizzare:

1- Motivi ambientali
a- La Tem e tutte le strade accessorie (svincoli, rotatorie, ampiamento di strade esistenti) porteranno a una cementificazione della zona.
b- Aumenterà il traffico
c- Nei dintorni degli svincoli sorgerannopoli logistici, costituiti essenzialmente da centri commerciali (altro cemento, parcheggi, traffico) e altre attività inerenti esclusivamente alla Tem, del tutto slegate dal territorio.
d- Attraverserà e sconvolgerà due Parchi Naturali e un Parco agricolo.

2- Motivi economici
a- La Tem sarà costruita da privati, in cambio della gestione per 55 anni. Tuttavia, se al termine dei 55 anni i profitti non fossero quelli previsti, l'ammanco sarà coperto dalla regione, scaricando sul contribuente l'intero rischio d'impresa.
b- Le aziende costruttrici potranno detrarre dalle imposte l'intero importo dell'opera - lo Stato e la collettività non vedranno nemmeno un Euro!
c- La Tem ridurrà il traffico dell'attuale tangenziale est solo del 6% verso nord e dell'8% verso sud- l'80% dei veicoli in questa zona infatti si sposta su distanze brevi.
d- Il pedaggio costerà 4,70 euro - per 32 chilometri!
e- Strade come la Padana Superiore, la Cassanese e la Rivoltana, già poco mantenute e quasi sature oggi, saranno ulteriormente sovraccaricate.
f- L'opera nasce già quasi al suo limite - secondo le stime degli stessi progettisti, il tratto tra Gessate e Pessano sarà già al 70% della sua capacità appena la Tem aprirà.
g- Il progetto Tem dava per scontati i prolungamenti della linea gialla della metropolitana fino a Paullo, e della verde fino a Vimercate. Questi progetti al momento sono solo su carta, e nulla è stato stanziato per il loro completamento.

3- Motivi sociali
a- La Tem colpirà direttamente 80 aziende agricole, che operano in un territorio noto per la qualità della produzione - considerando solo le aziende attraversate dal tracciato, senza contare le ricadute sui sistemi di irrigazione, i canali, le strade sterrate... che avranno effetto su tutta la regione.
b- Il sistema sociale di quest'area, pur vicina alla metropoli, è rimasto quello di diversi decenni fa. È un territorio con una forte e radicata identità locale, unico al mondo. La Tem, la cementificazione, i centri commerciali, lo sconvolgimento di ogni sistema presente sul territorio (idrico, agricolo, stradale, sociale) porterebbero a una standardizzazione che rappresenta la fine di un immenso patrimonio sociale e culturale per la Lombardia.

4- Le alternative
a- Fin dai primi stadi del progetto si sono sviluppati un insieme di presidii e comitati sul territorio, e il movimento No Tem -Sì Metro, che si propone non solo di opporsi alla Tem, ma anche di fare tutto il possibile perché venga attuata una soluzione alternativa, ovvero il potenziamento della rete ferroviaria e metropolitana, sostenendo anche il potenziamento della linea ferroviaria Milano-Venezia, annunciato ma mai messo in atto.
b- Per ridurre sensibilmente il traffico nella basterebbe raddoppiare la Cerca ed eliminare i "colli di bottiglia" sulle altre strade nella zona.

http://youtu.be/8p3SOcv9bjs

Paolo Cicerone
Amici di Beppe Grillo del Parco Sud

martedì 5 giugno 2012

martedì 5 giugno 2012

Convocazione Consiglio Comunale
Pubblicazione 31/05/2012 - 07/06/2012
Ultimo aggiornamento 31/05/2012

Si comunica che, ai sensi dell'art. 40, del D.Lgs. 267/00, comma 2, il Consiglio Comunale è convocato presso la Sala Consiliare per la prima seduta il giorno mercoledì 06.06.2012 alle ore 20.30, per la trattazione del seguente ordine del giorno:

1. Esame delle condizioni di eleggibilità e di compatibilità del Sindaco e dei Consiglieri Comunali eletti nella consultazione elettorale del 6/7 maggio 2012;
2. Giuramento del Sindaco;
3. Elezione del Presidente del Consiglio Comunale;
4. Elezione del Vice Presidente del Consiglio Comunale;
5. Comunicazione, da parte del Sindaco, della composizione della Giunta Comunale e illustrazione degli indirizzi di governo;
6. Commissione elettorale Comunale – Elezione componenti;
7. Commissione per la formazione degli elenchi comunali dei Giudici Popolari – Elezione componenti.
la nostra 1 partecipazione al consiglio con le nostre 2 elette