giovedì 13 gennaio 2011

l'Italia non sarà più come prima...





La gente non capisce che tra poco più di 24 ore l'Italia non sarà più come prima.
Siamo ad una svolta epocale, una svolta che produrrà, volenti o nolenti, spaccature nel sociale, fratture a sinistra, lacerazioni nel sindacato e futuro sempre più incerto per i più giovani.
La gente non capisce... che qui non stiamo parlando "solo" della ...FIAT e di Marchionne! E che, a prescindere dal risultato che verrà fuori dal referendum, l'Italia non sarà più la stessa!!!
Se vince il SI:
- i contratti del lavoro diventeranno carta straccia;
- i lavoratori avranno meno diritti ed i giovani meno futuro;
- la FIOM verrà azzerata;
- I D'Alemoni continueranno a far danni;
- I Berluschini continueranno a far sempre più danni.
Se vince il NO:
- in Italia sparirà del tutto la produzione;
- i sindacati (quelli di oggi) potranno tranquillamente sparire (tanto non rappresentano nessuno);
- il PD (o quello che ne rimarrà) dovrà andare in processione da Vendola;
- i disagi ed i contrasti sociali aumenteranno;
- ...
In entrambi i casi vi sarà un unico vincitore: Sergio Marchionne. Ma l'Italia non sarà più come prima...

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.