domenica 28 novembre 2010

Meditazione prima che arrivano le feste di Natale

Credo che la prossima cosa che dobbiamo fare è un bel tavolo di discussione come aumentare le adesioni al nostro gruppo , diventa dura cantarcela tra pochi , dobbiamo ora preoccuparci di come arrivare alla gente e farla partecipare, sperando che qualcuno capisca che è arrivata l'ora di non chiedere più al ns paese cosa può fare per noi ? , ma noi singoli se ci attiviamo in gruppi in movimento possiamo fare qualcosa per il nostro paese , se stiamo alla finestra o davanti alla televisione , tutto rimarrà un sogno , ed il futuro per i nostri figli sempre più scuro ed incerto!
e non crogiolatevi nel detto tanto non cambia nulla ? ricordatevi che se questa società andrà a rotoli ci sarà sempre chi dirà che è colpa nostra! ( loro intanto hanno messo via capitali e vanno in pensione con pochi anni e con cifre astronomiche ) forse è meglio pensarci ora prima che sia troppo tardi, la povertà aumenta , ed i ceti medi diventano sempre Più poveri questo è il segnale che silenzioso sta montando e che si evita spesso di vedere o citare , iniziamo a parlare e far parlare questa parte di paese e concittadini che spesso rimane nascosta nella sofferenza.
questo è il mio personale pensiero facendo parte del ceto suddetto
ciao

1 commento:

  1. Giusto Riccardo, Cittadini protagonisti basta demandare agli altri. I risutati dei nostri dipendenti, aministratori del nostro bene comune, non sono soddisfacenti, facciamo sentire la nostra presenza.
    In poche parole, "Fiato sul collo".

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.